Luisa Primi Ricette

Tagliatelle di biete con ragu di cernia, gamberi, cipollotto, zenzero e zucchine

Questo piatto oltre che molto buono è anche ricco e, seguito da una buona insalata, può costituire un pasto intero.

[infopane color=”grey” icon=”food”]Ingredienti per 4 persone:
150 g di farina
1 uovo
un pugno della parte verde delle bietole
1 spicchio d’aglio
2 cipollotti freschi
2 zucchine
1 orata
16 gamberi
una noce di zenzero fresco (fa la differenza!)
vino bianco
sale
olio[/infopane]

Preparazione:
Per prima cosa cimentiamoci con la pasta e mettiamo sul piano di lavoro la farina, l’uovo, un pizzico di sale, un goccio di olio e le bietole precedentemente sbollentate in acqua salata, saltate in padella con uno spicchio di aglio in camicia (che poi getteremo) e un cucchiaio di olio e infine tritate finemente.

Impastate bene gli ingredienti e lasciate riposare in frigo per qualche ora. Tirate  la pasta con l’apposita macchinetta o con il mattarello e…olio di gomito! Ritagliatene delle belle striscie di almeno 15 cm per 20 cm e stendiamole su di un piano appoggiate su di un panno per asciugare. Quando la pasta sarà ancora elastica ma abbastanza asciutta da poterla lavorare, arrotolate le striscie e tagliate tante rotelline che,una volta svolte diventeranno…le nostre tagliatelle che metteremo su di un vassoio con un poco di farina perchè restino ben staccate tra loro. Alternativa?comperarle già pronte.

Per il sugo affettate finemente i cipollotti, le zucchine, lo zenzero e mettete il tutto in una padella con due cucchiai di olio di oliva. A parte sfilettate l’orata e a tocchetti aggiungetela al nostro sugo assieme ai gamberi a persona ben puliti. Potendo usufruire di prodotti freschi avremo il massimo della resa ma ci sono anche ottimi prodotti surgelati a costo abbordabile. Sfumate con un goccio di vino bianco, aggiustare di sale e aggiungere le nostre tagliatelle sbollentate il minimo indispensabile. Lasciate insaporire e servite le tagliatelle ben calde, sentirete che profumo!

Perchè non dare un'occhiata ad altro?

Nessun commento

Lascia un commento