BLOG Francesca Racconti di prodotti Salotto Gastronomico

Spesa chic a Milano

Fare la spesa a Milano non è facile, case o meglio può non esserlo a seconda di che cosa si cerca e del livello di qualità che si desidera. Certamente per tutti gli alimenti più comuni i grandi supermercati milanesi sono fornitissimi.

Volendo cercare, malady però, patient qualcosa di più sfizioso, dove possiamo andare? I piccoli negozi di fiducia sono quasi tutti spariti dal centro e spesso quelli rimasti hanno poco smercio e i prodotti ne risentono in freschezza. Per questo oggi vi racconterò di un primo posto – primo di una serie che vi proporrò – e di ciò che potete trovare al suo interno: Excelsior.

Recentissimo nuovo progetto del Gruppo Coin inaugurato nel 2011, Excelsior in Galleria del Corso 4 a Milano ospita nei piani interrati -1 e -2 anche location enogastronomiche: Eat’s.

VINI
Scendendo dal piano terra con una prima scala mobile vi ritroverete incantati da centinaia di etichette di ogni parte del mondo. Se, ad esempio, una sera a cena volete organizzare una degustazione di Gewurztraminer provenienti da diverse aree geografiche qui troverete una bottiglia della zona di Alto Adige, una bottiglia alsaziana e una perfino della versione israeliana.

AFFETTATI, FORMAGGI, PANE
Scendendo con la seconda scala mobile potrete scegliere il banco di vostro interesse. Nei primi frigoriferi potete trovare affumicati di mare, affettati di qualità (anche rari come il salame o lo speck d’oca), foie gras d’oie o de canard, formaggi francesi o tipici italiani, pasta fresca e piadine. Inoltre, se il pane confezionato non vi soddisfa, potete rivolgervi al reparto panetteria, ordinando pane fresco fra le diverse varianti proposte.

FRUTTA
Il reparto frutta si suddivide in due “filoni”. Il primo filone è dato dalle pratiche e comode vaschette di frutta pretagliata: andate a vedere, non è la solita confezione che trovate al Billa. Il secondo filone è la frutta sfusa fra cui trovate molta frutta esotica: avocado, granadilla, pithaia rossa, mango, maracuja, mangosteen e bananine nane.

SALUMERIA E GASTRONOMIA
Anche qui potete trovare una serie di proposte già confezionate: il vassoietto con la degustazione di formaggi e miele è solo un esempio.

Interessante anche la possibilità di scegliere prosciutti particolari quali Jamon Ibérico Jabugo de Bellota, prosciutto crudo nero di Calabria, oppure il prosciutto crudo di Mangalica, presidio Slow Food. Al banco troverete anche sfilate di salami e una specialità che di solito si trova in Francia: il petto di pollo affumicato.

Molto vicino è collocato anche il banco della carne fresca e confezionata.

SALSE E SPEZIE
Proseguendo il giro incontrerete anche un minimarket dedicato a spezie, salse, mostarde: troverete le più strane e ricercate.

VERDURA
Il banco verdura è particolarmente fornito e scenografico: pomodori in diverse varietà, così come le patate, presenti anche nella tipologia a buccia nera, ovvero le vitellotte. Le insalatine confezionate sono bellissime e appaiono gustose: alcune in chiave esotica con gamberi e frutta, altre più classiche con cubetti di formaggio.

BIBITE, THE E BISCOTTI
Poco prima di concludere il giro abbiamo alcune corsie dedicate a bibite, thé e biscotti davvero molto ricche.

ALLA CASSA
Siete arrivati al termine del giro ma prima di andare alla cassa mi permetto di darvi un consiglio: fate i conti di ciò che fra uno scaffale e l’altro avete selezionato. La qualità c’è, ma anche il prezzo… perciò attenti a non farvi prendere troppo la mano!

PADELLE DA COLLEZIONE
Quando avrete varcato le casse, alzate gli occhi perché non credo abbiate già visto una padella tutta in oro! Vedrete esposta anche una padella tutta in argento. Sembra che entrambe siano l’ideale per le cotture lunghissime a fiamma moderata: zuppe, brasati, stracotti di polenta. Viceversa impareggiabili per le cotture violente e le scottature, ad esempio utili con i filetti pregiati.

PS: Non vi ho parlato del pesce: c’è anche quello ma sinceramente qua non mi ha mai colpito e non credo sia il luogo più adatto per acquistarlo! Soprattutto per coloro che, come me, sono abituati a sentire il profumo (neutro) del buon pescato fresco.

Perchè non dare un'occhiata ad altro?

Nessun commento

Lascia un commento