Kate Primi Ricette

Penne alle zucchine, salsiccia, ricotta salata, scaglie di montasio e zafferano

Oggi vi propongo una ricetta che ho pubblicato qualche mese fa con una rivisitazione e nuovi gustosi ingredienti. Sono le penne allo zafferano con salsiccia, zucchine, ricotta salata e scaglie di montasio. I miei ospiti hanno richiesto questa  ricetta che faccio spesso ma trovandomi in campeggio e senza tutti gli ingredienti necessari, ho improvvisato con quello che avevo a disposizione sia di tempo, mezzi e ingredienti. Il risultato? Una pasta eccezionale da leccarsi i baffi.

[infopane color=”grey” icon=”food”]Ingredienti:
pasta corta (penne)
ricotta salata
formaggio montasio
cipolla
zafferano
zucchine
pepe
vino rosso[/infopane]

Preparazione:

Tritate la cipolla, versatela in una padella  e con dell’olio fate un soffritto. Quando la cipolla sarà appassita, unite la salsiccia precedentemente tagliata a pezzettini e senza budello. Sfumate la carne con mezzo bicchiere di vino rosso. Dopo di che tagliate le zucchine a piccoli cubetti e versatili nella pentola e salate se necessario. spegnete dopo pochi minuti anche se le verdure risulteranno ancora crude. Nel frattempo fate bollire l’acqua per la pasta per cuocerla. Quando è ancora molto al dente, scolate le penne o qualsiasi tipo di pasta corta che più vi aggrada nel sugo di zucchine e salsiccia e versando un mestolo abbondante di acqua di cottura della pasta nella padella. In questo procedimento consiglio di sciogliere una o due bustine di zafferano nel mestolo d’acqua di cottura della pasta. Fate cuocere le penne finchè non saranno al punto di cottura  di vostro gradimento, in generale finche non avranno assorbito tutta l’acqua in eccesso e non si sarà creata una vera cremina come se fosse un risotto. Infine grattate la ricotta salata ancora prima di servire la pasta con un filo d’olio. Versate le penne nel piatto, grattate con il macininoun po’ di pepe e aggiungete le scaglie di formaggio montasio. Buon appetito.

Perchè non dare un'occhiata ad altro?

Nessun commento

Lascia un commento