BLOG Chiaccherando di ristoranti Daria Rabba Salotto Gastronomico

Osteria Magna e Tas o Ristorante Da Mirko?

Il 3 ottobre mi sono recato con mia moglie, utilizzando un coupon di Groupalia, per una cena al Ristorante “Osteria Magna e Tas” di Cantù, o meglio, a quello che credevamo fosse il Ristorante “Osteria Magna e Tas”; infatti all’ingresso abbiamo subito notato che l’insegna che non recava più il nome del ristorante che conoscevamo, bensì “Da Mirko”. Una volta entrati, abbiamo subito notato un drastico cambio di arredamento, molto sottotono, e un cambio di personale.

Il coupon di Groupalia Milano comprendeva una selezione di antipasti misti, un bis di primi, un secondo a scelta, una bottiglia d’acqua, un calice di vino a testa e il coperto.

Il trattamento è stato, fin dall’inizio, molto sbrigativo, a partire dal calice di vino di benvenuto, che ci è stato genericamente proposto come bianco o rosso, senza una minima spiegazione di cosa stessimo bevendo. Poco dopo esserci seduti al tavolo ci è stata servita la selezione di antipasti, senza che ci venisse illustrata, e che prevedeva una fettina di carpaccio di carne, una fettina di salame, una bruschettina con pasta di salame e una polpettina dal contenuto non ben identificabile.

Il bis di primi, risotto allo champagne e orecchiette con (pochissime) cozze e vongole, si è rivelato un abbinamento insignificante e poco azzeccato. Il risotto, al di là del gusto molto “anni 80”, era carico di formaggio e le orecchiette scotte e salate. Il secondo, tagliata di manzo con rucola per me, e trancio di rombo panato alla milanese con patate e pomodorini per mia moglie, purtroppo, ha mantenuto la linea. La tagliata è stata servita fredda e il rombo, per quanto fosse ben panato e caldo, era troppo unto. Il pane nel cestino sul tavolo era raffermo.

Il servizio è stato scadente, i camerieri approssimativi e al limite della maleducazione; durante la cena sono stati appoggiati al bancone, parlando dei fatti loro ad alta voce e hanno iniziato a sparecchiare i numerosi tavoli vuoti mentre noi, ed altri commensali, stavamo ancora cenando.

Mi sento di mettere in guardia Groupalia, del cui servizio sono stato sempre soddisfatto, da quello che ha tutta l’aria di essere un partner poco trasparente e che si approfitta della notorietà del nome di un ristorante di livello; il link che si trova sul coupon manda, ancora oggi, all’Osteria Magna e Tas, mentre ciò che i clienti trovano è tutta un’altra realtà, che non può assolutamente essere giustificata, nemmeno con uno sconto.

Ecco i piatti:

Perchè non dare un'occhiata ad altro?

4 Commenti

  • Rispondi
    Mirko bernardini
    14 novembre 2013 at 00:03

    Trovo sempre più avvincente tutta questa moda per la cucina nata negli ultimi tempi forse sulla scia di alcuni format tv dove la gente si sente e crede dei grandi critici enogastronomici …. Senza però capirci un granché
    Non voglio far polemica tutto che lei ha scritto logicamente resta la sua opinione mi permetta opinabile ma la invito però a riflettere su quanto a realisticamente speso per quella cena 14,50€ Riguardo alla gestione e’ sempre la stessa il nome e’ stato cambiato solamente perché un’altra ristorante con lo stesso nome ha registrato il marchio per tanto siamo stati obbligati al cambio
    La invito comunque di nuovo AD ASSAPORARE I PIATTI DEL MENÙ ALLA CARTA dove potrà sicuramente appagare il suo palato inoltre le vorrei in ultimo ricordare che con i soldi che potrei spendere per l’acquisto di una 500 a me personalmente una Ferrari non l’hanno mai proposta… Spero abbia l’intelligenza per capire il sottile giro di parole
    Cordialmente
    Mirko

  • Rispondi
    Chef Rabba
    14 novembre 2013 at 08:42

    Buongiorno Mirko, grazie del suo commento. Le dico subito che non ci riteniamo assolutamente critici enogastronomici … ma la recensione ci era dovuta, in quanto chiesta da Grupalia dopo aver provato la vostra cucina. Non ci piace parlar male dei posti e infatti ci è dispiaciuto molto scrivere con le parole giuste quello che ha letto.

    La recensione, a tratti anche pungente forse, però è nata proprio dal fatto che ci eravamo già stati da voi (con il nome vecchio ma non importa, vista la sua spiegazione del motivo) e ancora con un coupon dello stesso valore tranne il bere che avevamo pagato a parte. E il trattamento, la sala, il cibo era tutt’altra cosa. Ovvio che con 30€ in due non si può pretendere di mangiare alta cucina, ma non è il tipo di piatto che si propone, ma la qualità, la presentazione, il servizio, l’allestimento di sala. Forse siamo capitati in una serata no, ma la prima volta che eravamo venuti ci eravamo trovati veramente bene.

    Spero ci sarà ancora occasione per provare la vostra cucina, certi che recensioni come la nostra servano a tutti per migliorare, dando a tutti i clienti, a prescindere da quello che spendono, qualità e professionalità.

    A presto.

  • Rispondi
    Mirko bernardini
    14 novembre 2013 at 09:41

    Il problema egregio Sig. rabbia e’ che ci siamo resi conto che offerte come quelle di groupalia servono solo a riempire le sale in periodi di crisi e che non offrono alcuno spunto pubblicitario per tanto abbiamo adeguato l’offerta alla richiesta come ormai fanno la totalità dei ristoratori per mangiare qualità come scrive lei bisogna essere disposti per a spendere un po’ di più di 15€ a testa per 4 portate bevande comprese fortunatamente dalle recensioni l’85% riesce ancora a capire questa cosa, in ultimo penso che per poter giudicare un ristorante forse bisognerebbe provarlo più volte ma tante volte come nel suo caso le recensioni vengono fatte solamente per le esperienze negative forse perché fa più “Figo”
    Arrivederci

    • Rispondi
      Chef Rabba
      14 novembre 2013 at 10:31

      La nostra recensione non è assolutamente stata fatta per “fare figo”, soprattutto perché abbiamo creduto di andare sul sicuro scegliendo quel coupon, dato che avevamo già provato diverse volte la vostra cucina e avevamo consigliato ad amici e parenti di andarci. Peccato però che vi siate adeguati a quelli che ritenete gli standard dei coupon.

    Lascia un commento