Antipasti Rabba Ricette Sfizi

Focaccia alla genovese

Due settimane fa ho fatto un corso su focacce e pizze al Teatro 7 con lo chef Matteo Musmeci. Questa è una delle ricette.

Mi è venuta abbastanza bene, ed è finita in un lampo. Va bene sia come antipasto che come piatto unico e con un buon affettato (tipo mortadella) è la fine del mondo.

Buon appetito!

Ingredienti per 4 persone:
1kg di farina, 20gr di zucchero, 15gr di lievito, 35gr di olio, 500/600cc acqua, 20gr di sale.

Preparazione:
In una planetaria di un’impastatrice versate la farina, lo zucchero, il lievito spezzettato, l’olio e cominciate a impastare. Versate un po’ alla volta l’acqua e verificate la consistenza (il composto deve risultare bello appiccicoso). Per ultimo mettete il sale e impastate bene il tutto.

Ponete l’impasto su un piano infarinato e lavoratelo per qualche secondo, giusto per fare una palla, e versatelo in una terrina oliata coperta con pellicola trasparente. Mettete in frigo e lasciate lievitare per 24 ore. Questo perché meno lievito metterete, più sarà il tempo di lievitazione e sarà maggiormente digeribile l’impasto.

Passate le 24 ore (l’impasto deve almeno raddoppiare) disponete l’impasto su un piano infarinato e con l’aiuto di un mattarello date una forma rettangolare per poi metterlo in una teglia con un foglio di carta da forno (con sotto un filo d’olio per non farlo spostare). Con i polpastrelli fate i classici buchi, e spennellate con acqua e olio come se piovesse.

Mettete la teglia in forno preriscaldato al massimo che potete. Qui non c’è un tempo, dipende dal tempo atmosferico, dal tipo di forno, dovete vedere voi come va la cottura. Verso 3/4 del tempo di cottura tirate fuori la teglia, spennellate ancora con acqua e olio e mettete sale grosso in superficie e infornate ancora.

Quando è pronta (e qui è una chicca) sfornatela e ribaltatela su una teglia per far uscire tutta l’umidità. In questo modo la focaccia manterrà morbidezza e fragranza.

Tagliatela a pezzi e servite.

Perchè non dare un'occhiata ad altro?

1 Commento

  • Rispondi
    marco castro
    2 aprile 2013 at 18:52

    Ho tentato varie volte di farla in passato ma non mi è mai venuta bene.
    Forse è il tipo di forno che ho che tende a seccare/asciugare troppo.

    Inoltre non sapevo dello zucchero. Interessante l’idea del ribaltamento.

    Ciao

  • Lascia un commento