Chiaccherando di ristoranti Lorenzo Salotto Gastronomico

Dolce

Fresco, originale, alla moda e ben frequentato, un punto di riferimento per i romani più golosi.

Dolce è però un ristorante diviso a metà, sensazionali i dolci che danno il nome al locale, creativa ma priva della scintilla giusta il resto della cucina.

La ricercatezza e il tentativo di creare qualcosa di innovativo si notano nell’arredamento del locale come nei piatti del menù che spazia dal sushi alla carne passando per hamburgers e tempura.

Insolito e simpatico l’impiattamento delle portate a cui però spesso manca quel qualcosa in grado di fare la differenza tra un buon ristorante e uno in cui tornare assolutamente. Simpatica la presentazione delle Lollipop di patate con fonduta cacio e pepe servita in una terrina in ceramica con sotto ancora accesa la fiamma, peccato per la consistenza troppo morbida delle patate, più simili a degli gnocchi che non davano giustizia alla fonduta dal sapore molto equilibrato.

Stesso discorso per la Crispy Fish Tartar, una tartar di salmone con gamberi fritti, elegantissima ma priva di carattere. Ottima la qualità della carne ma il suo sapore si perde coperto dal bluee cheese nel Blue Cheese Burger.

I dolci sono un capitolo a parte. Originali, divertenti ed accattivanti. Impossibile non innamorarsi del tiramisù, una volta ordinato il dolce arriverà al tavolo un bricchetto colmo di una squisita crema al mascarpone, una piccola moka con caffè caldo, del cacao in polvere ed un piatto di biscotti savoiardi, ognuno potrà decidere come comporre il proprio dessert e come mangiarlo. Non solo il tiramisù è fai da te, da Dolce ci si può improvvisare pasticceri e riempire cannoli ed anche i bignè per realizzare il profitterol. Ottimi anche i dolci “già fatti” come la Cheesecake, deliziosa in ogni sua versione, e il tortino al cioccolato con cuore caldo.

Gusto ed originalità, se siete dei golosoni andate da Dolce, saprà deliziarvi ed incantarvi anche se prenderete solo il dessert.

Per info: www.dolce-roma.com

Perchè non dare un'occhiata ad altro?

Nessun commento

Lascia un commento