Angela e Alessia Ricette Secondi

Calamaretti ripieni alla Malvasia

L’ispirazione per questa ricetta viene da un duro lavoro di ricerca, site condotto alle isole Eolie, in particolare l’isola di Salina, dove tra un bagno e l’altro abbiamo scovato per voi varie prelibatezze, da noi rivisitate per voi!
Se amate l’accostamento tra dolce e salato non potete non provare questa delicata ricettina, quindi al lavoro frane!

[infopane color=”grey” icon=”food”]Ingredienti per 4 persone (2 calamaretti a testa):
8 calamaretti puliti
2 cipolle rosse e 2 bianche
200 ml di malvasia (un bicchiere)
4 cucchiai di olio evo
sale q.b.

Per il ripieno:
150 g circa di pane tipo pugliese o casereccio
80 g di mandorle pelate
buccia di limone grattugiata q.b.
prezzemolo fresco q.b.
30 g di uvetta
3 cucchiai di malvasia
1 cucchiaio di olio evo
sale e pepe q.b.
[/infopane]

Preparazione:
Iniziamo mettendo a bagno l’uvetta con i 3 cucchiai di malvasia.

Prepariamo il ripieno: tagliamo il pane e mettiamolo in un mixer con un pezzetto di buccia di limone, pepe,sale  ed il prezzemolo.

Tritiamo tutto grossolanamente e mettiamo il composto in una terrina. Aggiungiamo l’uvetta senza strizzarla, insieme alla malvasia con cui l’abbiamo ammollata e mescoliamo tutto.
Mettiamo le mandorle pelate nel mixer e tritiamole.
Uniamole al ripieno, aggiungiamo un cucchiaio raso d’olio evo e amalgamiamo.

A questo punto prendiamo i calamari puliti – noi non abbiamo utilizzato i tentacoli ma è possibile aggiungerli in padella assieme ai calamaretti ) e farciamoli col nostro ripieno, cercando di riempirli uniformemente, ma senza esagerare col ripieno. Chiudiamoli con uno stecchino.

Tagliamo le cipolle non troppo sottili, scaldiamo 3/4cucchiai d’olio evo in padella e versiamo le cipolle. A fiamma medio-alta le facciamo imbiondire  per 2 minuti e poi aggiungiamo i calamari. Saliamo tutto.

Rosoliamo i calamari su ambo i lati (attenzione a non bruciare le cipolle) e versiamo la malvasia, sfumiamo leggermente ed abbassiamo un po’ la fiamma.

Facciamo cuocere senza coperchio, mescolando spesso e rigirando i calamari in modo che si insaporiscano per circa 8 minuti.
Serviamo i calamari dopo averli fatti intiepidire un po’, adagiati sul letto di cipolle.

[infopane color=”red” icon=”glass”]Angela e Alessia consigliano come vino: Etna Bianco ghiacciato, che contrasta bene la dolcezza della Malvasia e delle cipolle[/infopane]

Perchè non dare un'occhiata ad altro?

Nessun commento

Lascia un commento