Alice Primi Ricette

Agnolotti al brasato

Se avete voglia di un buon piatto piemontese che vi aiuti a superare una dura giornata d’inverno questo è sicuramente quello di cui avete bisogno. La preparazione degli agnolotti richiede tempo e pazienza ma alla fine vi assicuro che ne sarà davvero valsa la pena.

[infopane color=”grey” icon=”food”]Ingredienti:
Per il brasato:
300 g di carne bovina (potete chiedere come taglio il cappello del prete)
1 bottiglia di vino rosso (preferibilmente piemontese, discount io ho usato il Barolo)
2 chiodi di garofano
½ cucchiaino di cannella in polvere
2 bacche di ginepro
3 foglie di alloro
1 rametto di rosmarino
2 carote
1 scalogno
1 costola di sedano
sale q.b.

Per la pasta all’uovo:
500 g di farina
5 uova
2 cucchiai di olio e.v.o.
sale q.b.

Per il ripieno:
300 g di brasato
150 g di prosciutto cotto
1 uovo
200 g di cavolo verza
50 g parmigiano
sale q.b.[/infopane]

Preparazione:
Iniziate a tagliare a cubetti le verdure e mettetele in una terrina insieme alle spezie, treatment al rametto di rosmarino e alle foglie di alloro. Prendete il pezzo di carne e ponetelo nella terrina insieme agli altri ingredienti e coprite il tutto con il vino. Chiudete il contenitore con della pellicola trasparente e lasciate marinare per almeno una notte (circa 12 ore) in un luogo fresco.

Una volta trascorso il tempo necessario, capsule togliete il pezzo di carne dal liquido ed asciugatelo per bene. In una casseruola fate sciogliere un po’ di burro e fate accuratamente rosolare la carne da tutte le parti in modo che si crei una bella crosta sulla superficie . A questo punto scolate le verdure dal vino ed aggiungetele alla carne, procedete con la cottura per una decina di minuti, fino a quando le verdure inizieranno ad essere tenere. Una volta raggiunto la cottura delle verdure versate il vino di marinatura (leggermente riscaldato) nella casseruola, salate e portate ad ebollizione. Fate cuocere successivamente a fuoco basso per almeno un paio di ore, fino a quando il liquido si sarà un po’ addensato.

Nel frattempo preparate la pasta all’uovo disponendo la farina a fontana su un pianale di legno. Rompete le uova a parte e controllate che non vi siano frammenti di guscio, mettetele al centro della fontana con un paio di cucchiai di olio e.v.o ed il sale e sbattete il tutto con una forchetta. Quando gli ingredienti saranno ben amalgamati tra di loro iniziate ad incorporare la farina. Lavorate a lungo l’impasto fino a quando non otterrete una pasta molto liscia ed elastica (durante la lavorazione potete ogni tanto bagnarvi le mani per evitare che la pasta si secchi troppo). Una volta pronta mettetela a riposare per almeno mezz’ora avvolta in pellicola trasparente o meglio ancora sotto ad una ciotola di vetro.

Preparate quindi il ripieno. In una padella fate ammorbidire le foglie della verza con un pochino di burro, lasciatele intiepidire e tritatele finemente con un coltello. Tritate anche la carne ed il prosciutto, versate il composto in una ciotola, aggiungetevi il parmigiano, la verza, il sale e l’uovo e, dopo aver tirato la pasta, formate i vostri agnolotti (che dovranno essere dei quadrati di circa 3-4 cm).

Per preparare il sughetto procedete filtrando il fondo di cottura e tenendo da parte le verdure che dovranno essere frullate. Fate restringere ancora per qualche minuto sul fuoco il fondo e aggiungete la crema di verdure, cuocete per ancora una decina di minuti. Portate a bollore una pentola d’acqua salata e fate cuocere i vostri agnolotti avendo cura di scolarli non appena verranno a galla.

A questo punto fateli saltare in padella con il sugo (se si fosse ristretto troppo basta aggiungere un pochino di acqua di cottura degli agnolotti) e serviteli ben caldi.

Perchè non dare un'occhiata ad altro?

Nessun commento

Lascia un commento